Quinoa e amaranto con nasello e pomodorini freschi – senza glutine

Da quando ho dovuto ridurre la quantità di glutine nella mia dieta, ho scoperto nella quinoa e nell’amaranto dei validi alleati per creare insalate sfiziose. Sono due pseudo-cereali, ossia semi che pur non appartenendo alla categoria dei cereali vengono assimilati ad essi in quanto hanno caratteristiche nutrizionali simili, con una (non irrilevante) distinzione: sono naturalmente privi di glutine e si prestano quindi alla dieta dei celiaci.
Durante la cottura aumentano notevolmente di volume e danno senso di sazietà molto a lungo, aspetto da non sottovalutare.

L’abbinamento con il pesce ed i pomodorini freschi mi ha riportata immediatamente a poco più di due settimane fa, quando ancora ero al mare e mi sedevo sulla spiaggia a guardare il mare, cullata dal rumore delle onde ed accarezzata dal vento, che non mancava mai. Poi mi ha riportata agli ultimi giorni di Luglio, quando in Sicilia ho assaggiato i pomodorini più buoni di sempre.
Decisamente un piacevole viaggio lontano dalla realtà, fatta di appunti ed evidenziatori in vista del prossimo esame.
Ma così è la vita. Cristian mi dice sempre che le cose belle devono finire perché possano iniziarne altre, magari ancora più belle.
Effettivamente ha ragione.
Quindi io mi butto a capofitto in un anno che sarà tutt’altro che leggero e aspetto con ansia di vedere le sorprese ed i traguardi che porterà con sé.

Tempo di preparazione: 30 minuti

Ingredienti per 1 porzione:

  • 40 gr di quinoa
  • 40 gr di amaranto
  • 1 filetto di nasello
  • 250 gr di pomodorini datterini freschi
  • qualche foglia di basilico
  • una manciata di capperi sotto sale
  • olio evo q.b.

Procedimento:

Sciacquare accuratamente la quinoa aiutandosi con un colino a maglie fini, quindi disporla in un pentolino con l’amaranto. Aggiungere 250 ml di acqua e portare ad ebollizione, abbassare poi la fiamma e far cuocere sino a quando i chicchi non avranno assorbito tutta l’acqua. Se necessario aggiungere acqua durante la cottura, come si fa con il risotto.

Nel frattempo lavare i pomodorini e tagliarli in quattro. Metterli in una padella antiaderente con il pesce, i capperi ben sciacquati e poca acqua e far cuocere per 10/15 minuti, sino a quando il pesce si sarà frantumato e l’acqua asciugata.

Mescolare la quinoa e l’amaranto con il sugo e servire con un filo d’olio a crudo e, a piacere, qualche foglia di basilico fresco.

Suggerimenti: questo piatto può essere mangiato sia caldo che freddo e si conserva in frigorifero per 2-3 giorni al massimo.

[print_link]
Vi aspetto anche su InstagramFacebook e YouTube.

ilove-gffd1
Con questa ricetta partecipo al 100% Gluten free (fri)Day

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *