Lasagne bianche con zucchine e prosciutto cotto – senza glutine e lattosio 

Perché mangiare i legumi?

I legumi sono un ottimo alimento, che non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole.
Sono ricchi di proteine e contengono una buona quota di carboidrati, che gli conferisce potere energetico; ad eccezione della soia, i legumi sono inoltre poveri di grassi.
Contengono inoltre un elevato contenuto di fibre, fondamentali per mantenere il benessere del nostro organismo: migliorano ad esempio la funzionalità dell’intestino e sono associate alla riduzione del colesterolo, della glicemia e del rischio cardiovascolare.

Quanti legumi mangiare?

Le linee guida suggeriscono di consumare i legumi almeno 3-4 volte a settimana, variando tra le varie tipologie.

Quali preferire?

L’ideale sarebbe consumare legumi freschi (seguendo la stagionalità) o secchi, opportunamente reidratati e cotti. I legumi in scatola dovrebbero essere l’ultima scelta, ma, piuttosto che non consumarne proprio, meglio optare per quelli in scatola.

E se non mi piacciono?

Al gusto ci si abitua.

Il consiglio è sempre quello di introdurli gradualmente nella propria dieta, consentendo al proprio organismo di abituarsi ed evitare così lo spiacevole senso di gonfiore spesso associato al loro consumo.
Iniziate a proporli in tavola sotto forma di polpette,oppure frullati e trasformati in una salsa (l’hummus) magari mischiandoli ad altri ingredienti, da servire con i crostini, o in una vellutata.

Un’altra ottima alternativa che sta spopolando nell’ultimo periodo è la pasta realizzata con sola farina di legumi: ceci, piselli, lenticchie, fagioli. Sono tutte buonissime e facilmente reperibili in qualsiasi supermercato ben fornito.
Sono ottime perché forniscono una buona quota di carboidrati, proteine e fibre, consentendo di preparare un pasto sano e bilanciato anche quando si hanno poco tempo e voglia di cucinare: un filo d’olio e qualche verdura spadellata sono già sufficienti.

Per scoprire altre ricette sfiziose da preparare con la pasta di legumi Felicia, visitate il sito web www.glutenfreefelicia.com 

Salva
Lasagne bianche con zucchine e prosciutto cotto
Preparazione
30 min
Cottura
40 min
Tempo totale
1 h 10 min
 

SENZA GLUTINE E SENZA LATTOSIO

Porzioni: 4 persone
Ingredienti
  • 250 gr lasagne di lenticchie gialle Felicia
  • 2 zucchine medie
  • 150 gr prosciutto cotto a fette sottili *
  • q.b. grana +36 mesi per lo strato finale - facoltativo
Per la besciamella
  • 700 ml brodo vegetale
  • 70 gr farina di riso integrale *
  • 70 gr olio evo
  • 1/2 cucchiaino xantano *
Istruzioni
  1. Iniziate tagliando dividendo a metà le zucchine e tagliandole a fettine sottili seguendo il lato lungo, aiutandovi con la mandolina o con l'affettatrice. 

  2. Grigliate leggermente le zucchine sulla piastra, senza farle bruciare, e tenetele da parte.

  3. Dedicatevi ora alla preparazione della besciamella: preparate il brodo (io ho usato 700 ml di acqua + 1 cucchiaino di dado vegetale fatto in casa); in una pentola unite la farina di riso, lo xantano e l'olio, mescolate bene e cuocete a fiamma bassa fino a quando non inizia ad addensare. 

  4. Aggiungete gradualmente il brodo vegetale, mescolando continuamente con una frusta in modo che non si formino grumi. 

  5. Cuocete la besciamella a fiamma bassa fino a quando non si rassoda (prendendola con un cucchiaio, non deve colare). 

  6. Accendete ora il forno statico a 200° C.

  7. Cospargete il fondo di una pirofila con la besciamella ed iniziate a comporre le lasagne: uno strato di pasta secca, uno strato di zucchine, uno strato di prosciutto, quindi ancora uno strato di besciamella e così via. 

  8. Per l'ultimo strato, coprite il prosciutto con la besciamella e, a piacere, spargete sulla superficie un po' di grana stagionato per insaporire.

  9. Coprite la pirofila con la carta stagnola e cuocete per 30 minuti, quindi togliete la stagnola e cuocete per altri 10 minuti circa. 

Note

In caso di celiachia, gli ingredienti segnati devono essere certificati senza glutine. 

 

Queste lasagne sono ottime da consumare anche a temperatura ambiente.

 

Si conservano in frigorifero per un paio di giorni, oppure nel freezer per 3 mesi.

 

https://malquadrato.com/dado-vegetale/

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *