Riciclare gli scarti del latte vegetale: biscotti morbidi con okara di cocco – senza glutine, lattosio e uova

L’okara non è altro che lo scarto che si ottiene dalla preparazione del latte vegetale (che sia di soia, di cocco, di riso, d’avena ecc.).
Pressoché ancora sconosciuto in occidente (sta però prendendo piede soprattutto grazie alla cucina vegana), l’okara è una risorsa preziosa della cucina orientale.
Io stessa, prima di cercare alcune ricette da cui prendere spunto per riciclare gli scarti del latte di cocco (trovate la ricetta per prepararlo nell’ebook gratuito), nemmeno immaginavo che questi scarti avessero persino un nome. E la cosa mi ha fatto sorridere, è proprio vero che in cucina, come nella vita, non si smette mai di imparare.

Per preparare questi deliziosi biscotti mi sono ispirata alla ricetta trovata sul blog Marina Mar, riadattandola in versione gluten free lactose free. Ho come sempre utilizzato farine naturali (no mix già pronti) e ho cercato di utilizzare meno zucchero possibile.
Il risultato? Dei deliziosi biscottoni morbidi con un delicato sapore di cocco e dolci al punto giusto approvati da tutta la famiglia.

Tempo di preparazione: 1 h + almeno 2 ore di riposo

Ingredienti per 13 biscotti circa:

  • 120 gr di okara di cocco (scarto ottenuto con la preparazione del latte di cocco) – è sostituibile con cocco grattugiato * ; l’impasto risulterà più asciutto, aggiungere eventualmente più latte vegetale.
  • 75 gr di farina di riso integrale *
  • 50 gr di farina di mais *
  • 25 gr di fecola di patate *
  • 3 gr di xantano in polvere *
  • 4 gr di lievito istantaneo per dolci *
  • 50 ml di latte vegetale a scelta *
  • 40 gr di zucchero di canna integrale
  • 25 gr di burro chiarificato – sostituibile con pari quantità di olio di cocco
  • 20 gr di olio di semi di girasole

* In caso di celiachia gli ingredienti segnati devono essere certificati senza glutine.

Procedimento:

Unire in una ciotola capiente tutti gli ingredienti secchi (okara, farine, xantano, lievito e zucchero) e mescolarli.
Aggiungere il latte vegetale, il burro chiarificato fuso e l’olio di semi. Iniziare ad impastare prima con un cucchiaio e poi con le mani fino ad ottenere una palla compatta e non appiccicosa.
Essendo senza glutine, l’impasto non risulterà elastico, ma si riuscirà comunque a lavorarlo e a “tenerlo insieme”.
Avvolgere l’impasto nella pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigorifero per almeno 2 ore.

Trascorse le due ore, accendere il forno statico a 180° C.
Prelevare dei pezzetti di impasto con le mani, formare delle palline passandoli tra i palmi delle mani e posizionarli su una teglia ricoperta con carta forno. Schiacciare quindi le palline per ottenere dei dischetti e praticare delle incisioni verticali con la forchetta.

Cuocere i biscotti per circa 20-25 minuti, tenendone d’occhio il colore: la superficie deve dorare ma non bruciare.

Si conservano ben chiusi in una scatola per 5-6 giorni.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta “Una ricetta squisitamente free” di Monica’s Kitchen

Partecipo inoltre al 100% Gluten Free (fri)Dayy

[print_link]
Vi aspetto anche su InstagramFacebook e YouTube



Commenti

commenti

One Comment

  1. Pingback: Come fare il latte di cocco – Malquadrato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *